Perizie informatiche forensi: pc, mobile, celle telefoniche ecc. - ISF | Istituto di Scienze Forensi | Milano | Treviso | Bolzano | Novara | Vicenza | Firenze | Taranto | Reggio Calabria | Catania | London | Malta

Offerta formativa
■ Alta formazione
Investigazioni e Consulenze
tecniche forensi
giudiziarie, stragiudiziali e
assicurative in Italia e all'estero.
Investigazioni scientifiche
e criminologiche forensi

Investigazioni scientifiche
e criminologiche forensi
Tel. (+39) 02.3672.8310 | Email: isf@scienzeforensi.net | Urgenze
Vai ai contenuti

Perizie informatiche forensi: pc, mobile, celle telefoniche ecc.

Investigazioni Scientifiche
L'informatica forense si occupa dell’identificazione, dell’acquisizione, dell’analisi e della documentazione deireperti informatici al fine di ricavare elementi probatori (digital evidence) in procedimenti civili e penali.
La “digital evidence” può essere definita come qualsiasi informazione con valore probatorio che sia memorizzata o trasmessa in forma digitale e che può essere estratta da dispositivi digitali quali personal computer, notebook, hard disk, USB drive, dispositivi di memoria SSD, tablet, smartphone, SIM card ecc.
L’informatica forense assume un ruolo fondamentale in tutti i contesti dove sia richiesto acquisire e analizzare elementi di prova, anche non necessariamente connessi a reati informatici, ossia in campo civile,commerciale, giuslavoristico e fiscale.
Le consulenze fornite dall’Istituto, riguardano un’ampia gamma di investigazioni informatiche effettuate da esperti certificati i quali si avvalgono di software all’avanguardia utilizzati dalle forze di polizia di tutto il mondo, come Encase Forensics®, Accessdata FTK®, Cellebrite UFED®, Oxygen Forensics Detective®, Magnet Axiom® ecc.
Le procedure utilizzate dagli esperti dell’Istituto sono conformi alle “best practices internazionali in materia di digital forensics (NIST, ISO 27037 ecc.), in armonia con la legge 18 marzo 2008, n. 48 recante la “Ratifica della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla criminalità informatica” di Budapest del 23 novembre 2001. Da ciò ne deriva la garanzia relativa all’integrità e alla validità dei reperti informaticioriginali e dei dati ricavati da essi.
Le investigazioni condotte dagli esperti dell’Istituto includono:
  • i computer e i dispositivi di memorizzazione (computer forensics)
  • i dispositivi mobili (mobile forensics) come i cellulari, gli smartphone, i tablet, le SIM card e i GPS ecc.
  • le reti Internet e Intranet (network forensics) inclusi la posta elettronica, i social network, gli FTP, i peer to peer, Skype ecc.
  • le analisi di software (software forensics) quali, ad esempio, le verifiche delle specifiche del software rispetto al contratto
  • sistemi di sorveglianza e analisi delle immagini (video & image forensics).
Quelli appena citati sono i campi di applicazione principali ma l’Istituto è in grado di fornire consulenza tecnica anche in molti altri contesti specialistici nell’ambito dei cosiddetti “high-tech crimes”.
Torna ai contenuti