ISF Magazine - ISF | Istituto di Scienze Forensi | Milano | Treviso | Bolzano | Novara | Parma | Vicenza | Firenze | Taranto | Reggio Calabria | Catania | London | Malta

Offerta formativa
■ Alta formazione
Investigazioni scientifiche
e criminologiche forensi

Investigazioni scientifiche
e criminologiche forensi
Investigazioni e Consulenze tecniche
Giudiziarie, assicurative e per la sicurezza
MILANO | TREVISO | BOLZANO | NOVARA | PARMA | VICENZA | FIRENZE | TARANTO | REGGIO CALABRIA | CATANIA | LONDON | MALTA
ISO 9001:2015

Cert. n. QA/042/19

Centralino unico Italia ed estero: tel. (+39) 02.3672.3678 | e-mail isf@scienzeforensi.net | Casi urgenti
Vai ai contenuti

Nuovo software per l'analisi degli incendi: work in progress

ISF | Istituto di Scienze Forensi | Milano | Treviso | Bolzano | Novara | Parma | Vicenza | Firenze | Taranto | Reggio Calabria | Catania | London | Malta
Pubblicato in Notizie · 7 Febbraio 2019
Nella foto da sinistra: l'Ing. Antonio Marotta (Dipartimento Ricerca e Sviluppo CYPE Software) e Mirko Vicenzotto, coordinatore della Sezione Investigazioni Scientifiche dell'Istituto.

Alicante (Spagna), 7 febbraio 2019: prosegue a gonfie vele la collaborazione tra l’Istituto e la CYPE per lo sviluppo di un software avanzato per la “Fire Safety Engineering” (FSE).
Il software, che utilizza il motore di calcolo “Fire Dynamic Simulator” (FDS) del National Institute for Standards and Technology (NIST), servirà, nello specifico, ad analizzare gli scenari di incendio tramite simulazioni fluidodinamiche (CFD) della propagazione del fuoco.
In questi giorni, il coordinatore Mirko Vicenzotto della Sezione Investigazioni Scientifiche, si trova presso la direzione generale della CYPE ad Alicante (Spagna) al fine di curare alcune fasi dei lavori in programma. In particolare, Vicenzotto e l’Ing Antonio Marotta del Dipartimento Ricerca e Sviluppo di CYPE, con la collaborazione di ingegneri e sviluppatori dell’azienda spagnola, stanno provvedendo ad implementare una biblioteca dei materiali al fine di determinare i parametri che utilizzerà il motore di calcolo per eseguire le simulazioni fluidodinamiche degli eventi incendiari.
«È una settima di lavoro intenso, caratterizzata soprattutto da costruttivi scambi di idee, informazioni e opinioni che ci stanno portando a realizzare qualcosa di unico come era nelle aspettative iniziali di entrambe le realtà aziendali» ha commentato Vicenzotto da Alicante. Del resto, da una parte abbiamo oltre 35 anni di esperienza di un’azienda leader nel campo dello sviluppo e della produzione di software utilizzati da esperti tecnici di tutto il mondo, dall’altra le conoscenze e le competenze di altissimo livello nel campo delle investigazioni di incendi del nostro Istituto. Da tale sinergia non ci si poteva attendere qualcosa di diverso che una collaborazione di successo. Una collaborazione che porterà ad arricchire notevolmente il settore tecnico-forense dell’analisi degli incendi grazie ad uno strumento informatico avanzato utilizzato fino ad oggi in ambito progettuale.

Riproduzione riservata


Torna ai contenuti